Rispetto e moderatezza, requisiti indispensabili ad ogni rivendicazione

Mi è appena giunta questa lettera aperta agli esodati da parte del caro amico Riccardo Iannello, giornalista ora in pensione. Una lettera pacata, seppure implacabile nel ricordare, da posizione imparziale,  le sofferenze e le ingiustizie inflitte agli esodati anche successivamente ai fatti da cui tutto trasse origine e dei quali tutti sappiamo. Una lettera che,… Continua a leggere Rispetto e moderatezza, requisiti indispensabili ad ogni rivendicazione

Comunicato del Comitato esodati “Licenziati o cessati senza tutele”

Un comunicato comparso sui gruppi Facebook in questi ultimi giorni, i cui passaggi essenziali sono stati ripresi da pensionipertutti.it a firma Stefano Rodino, inducono il comitato esodati “Licenziati o cessati senza tutele” a chiarire la propria posizione, a cominciare da quella paventata decisione (di chi?) di ricondurre ad un coordinamento unitario, deciso unilateralmente, l’azione eterogenea… Continua a leggere Comunicato del Comitato esodati “Licenziati o cessati senza tutele”

Appello in extremis per la salvaguardia dei 6.000 esodati esclusi dalla salvaguardia

    Mentre stanno per concludersi i lavori della Camera per la discussione e approvazione del testo di legge di stabilità per il 2018, in data odierna abbiamo diffuso presso ministeri, commissioni Lavoro e Bilancio, capigruppo al Senato, Presidente della Camera On. Boldrini, capigruppo alla Camera, agenzie di stampa e numerosi quotidiani nazionali, un documento… Continua a leggere Appello in extremis per la salvaguardia dei 6.000 esodati esclusi dalla salvaguardia

Quello che Elsa Fornero non dice

    Da giorni l’attenzione dei media nei confronti del regista Ciro Formisano si è come fossilizzata sull’opportunità o meno di far coincidere la presenza della Prof. Elsa Fornero con quella di alcuni esodati alla proiezione del film L’Esodo. Si è parlato di posture irrigidite, di espressioni tese, di lacrime. In sostanza, la raffigurazione di… Continua a leggere Quello che Elsa Fornero non dice