18-febbraio 2016 – Assemblea a Torino per un coordinamento regionale dei pensionati

Il 18 Febbraio sarò con il CoNUP a Torino perché….

Sarò presente all’assemblea del CoNUP perché da tempo Ezio Gallori sta lavorando alla costituzione di coordinamenti regionali dei pensionati di ieri, di oggi e di domani, e delle organizzazioni aderenti al CoNUP, a tutela delle pensioni attuali, future e di coloro che ancora si dibattono nel limbo degli esodati.

 
 

Il 18 Febbraio sarò con il CoNUP a Torino perché….

Sarò presente all’assemblea del CoNUP perché Renzi, con l’intero suo governo e col supporto esterno di Boeri, ancor peggio dei precedenti governi che si sono avvicendati al potere durante questi ultimi trent’anni, sta usando le pensioni come fossero un bancomat e, in continuità con la contro-riforma Fornero, allunga all’inverosimile l’età pensionabile alle generazioni più giovani spingendole in direzione della previdenza privata: quella delle banche che nel frattempo potrebbero magari fallire.

Il 18 Febbraio sarò con il CoNUP a Torino perché….

Sarò presente all’assemblea del CoNUP perché Renzi, col suo governo disattende la Costituzione bloccando o riducendo ai minimi termini le perequazioni delle pensioni in essere, disattende con risibili riconoscimenti economici laddove invece la Corte Costituzionale ha sentenziato, in maniera chiara ed esplicita, la dovuta restituzione delle mancate rivalutazioni.

Il 18 Febbraio sarò con il CoNUP a Torino perché….

Sarò presente all’assemblea del CoNUP perché ancora 23.200 famiglie  – il dato è verificato dal raffronto dei report INPS con i dati forniti in Parlamento dallo stesso Istituto in risposta alla interpellanza parlamentare della On. Gnecchi nel 2014 – nonostante una inverosimile successione di provvedimenti, tutti insoddisfacenti perché inconcludenti,  ancora annaspano nel girone degli esodati mentre, chi da quell’inferno ne è potuto uscire, ora deve sentire il dovere morale di stare al loro fianco.

Il 18 Febbraio sarò con il CoNUP a Torino perché….

Sarò presente all’assemblea del CoNUP perché la pensione è un diritto di tutti come di tutti è il diritto costituzionale ad una vecchiaia serena e dignitosa. Quando il diritto non è di tutti si chiama privilegio e i privilegi, prima o poi, sono destinati ad essere revocati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *