Liste salvaguardati: analisi dei disposti decretizi e degli aspetti attuativi

Pubblichiamo un interessantissimo lavoro di Salvatore Carpentieri sulle conseguenze attuative dei decreti pubblicati a salvaguardia delle due platee di 65mila e 55mila ex lavoratori.
L’analisi dei due decreti (DM 1° Giugno 2012 e DM 8 ottobre 2012) intende dare una risposta analitica al quesito se i criteri di selezione prefigurino o meno una netta separazione tra le due platee (65mila e 55mila). La questione, mai affrontata ufficialmente, non è di poco conto perché l’eventualità che parte dei primi “potenziali salvaguardati” possano godere di un legittimo diritto a fare eventualmente parte anche della successiva graduatoria, imporrebbe conseguentemente di tener in debito conto le eventuali eccedenze numeriche che, escluse dal primo decreto, potrebbero comunque vantare i requisiti richiesti per essere inseriti nella successiva selezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Ai sensi del GDPR 679/2016 la pubblicazione dei commenti è subordinata al consenso attivo alla raccolta dei dati personali richiesti, necessari a tenere traccia dei commenti stessi. Maggiori informazioni su come, dove e perché vengono memorizzati questi dati sono consultabili alla pagina della Informativa sulla Privacy Policy del sito .

*

  Acconsento a fornire i dati personali richiesti, che verranno trattati in conformità a quanto indicato nel documento della Privacy Policy del Sito

Per inviare un commento è necessario che i cookie del servizio "Invisible Recaptcha" siano abilitati.
Le impostazioni dei cookie possono essere modificate accedendo a questa pagina del Sito

Un commento su “Liste salvaguardati: analisi dei disposti decretizi e degli aspetti attuativi”