Comunicato stampa della Rete dei Comitati degli Esodati – 2 aprile 2014


Gli “Esodati” si Mobilitano
Basta ritardi, non ce la facciamo più!

Chiediamo al Parlamento di approvare subito la PdL 224 e collegate
della Commissione Lavoro per l’ampliamento delle salvaguardie.

La Rete dei Comitati, con i suoi aderenti, sarà il 9 aprile davanti al Ministero dell’Economia e Finanze e dal 14 aprile ad oltranza in Piazza Montecitorio per manifestare finché non sarà approvata la proposta di legge unificata per la salvaguardia degli esodati.

La PdL 224, sebbene non dia soluzione strutturale al problema dei cosiddetti esodati, rappresenta un significativo passo in avanti per porre rimedio al dramma in corso oramai da oltre due anni. Governo e Parlamento, insieme, sono responsabili di questa vergogna, nota e biasimata anche in Europa.

Avete rotto il patto sociale con gli italiani!
Avete derubato le nostre famiglie! Restituiteci il diritto alla pensione!

Dopo mille promesse e mille rinvii, attendiamo ancora che alla Camera sia discussa in aula la PdL unificata varata dalla Commissione Lavoro (ex AA.C. 224, 387, 727, 946, 1014, 1045 e 1336). Sono 2 anni che la politica cerca di far dimenticare questo crimine al popolo italiano! La PdL 224 può ripristinare un diritto e porre fine al disagio di gran parte delle famiglie colpite!! Approvatela con la massima urgenza, perché già dal 2013 molte persone e famiglie sono senza reddito, ostaggi di una politica che non tutela gli interessi dei cittadini.

E’ il momento ultimo: ora tutti voi parlamentari dovete decidere da che parte stare.

Di fronte a un dramma sociale di così ampie proporzioni, un dramma evitabile, non possono prevalere logiche e indicazioni di partito: vi chiediamo di fare appello alle vostre coscienze e di interpretare alla luce del diritto e dell’etica il ruolo di nostri rappresentanti. Vi invitiamo quindi, nel pieno rispetto della libertà di mandato che la Costituzione vi garantisce, ad approvare e ad adoperarvi perché sia immediatamente approvata la PdL unificata.

NON C’È PIÙ TEMPO:

quasi 240.000 famiglie italiane (il Governo ha apposto il “segreto di Stato” sul numero reale) sono oramai sulla soglia della povertà e numerose di esse l’hanno già varcata! IL GOVERNO PENSA DI PREPENSIONARE,A BREVE. MIGLIAIA DI DIPENDENTI STATALI DIMENTICANDO QUELLI LASCIATI PER STRADA DALLA FORNERO!! Ma dove troverà le risorse per questa operazione che discrimina i cittadini lavoratori? Userà ancora una volta i contributi dei lavorator privati? Si accinge a perpetrare un nuovo furto? La Camera ha differito la calendarizzazione della PdL dal 27 marzo (giorno in cui eravamo in piazza Montecitorio) alla settimana dal 14 al 17 aprile.

CI SAREMO ANCORA PER RICORDARE A TUTTI
QUESTA, PER NOI, DEVASTANTE VERGOGNA
CHE NEGA IL FUTURO A 240.000 FAMIGLIE ITALIANE

Consapevoli della sorte nefasta toccata nella passata legislatura ad un’analoga iniziativa unitaria della Commissione Lavoro, della reiterata ostinazione nel nascondere i numeri degli “esodati” da parte dell’Inps e del Governo, dell’usurpazione di ruolo consentita alla Ragioneria Generale dello Stato tramite la produzione di atti impropri e palesemente errati che hanno gravi conseguenze politiche, delle strategie dilatorie sorde alla disperazione dei lavoratori esodati e delle loro famiglie, chiediamo ai parlamentari tutti di assumere le proprie responsabilità dinanzi al Paese e ai cittadini nei confronti dei quali lo Stato ha consapevolmente violato un patto e si ostina a consumare una prevaricazione.

URLEREMO AI NOSTRI PARLAMENTARI:
VOTATE SUBITO, SENZA ALIBI NE’ PRETESTI, A FAVORE DELLA PDL UNIFICATA!
NESSUNO POTRA’ CONSIDERARSI ASSOLTO, SIETE TUTTI COINVOLTI!

Comunicato emesso da: La Rete dei Comitati di Esodati, Mobilitati, Contributori Volontari,
Donne Esodate Mobilitate Licenziate (ESMOL),“Quindicenni”, Esonerati, Fondi di Settore e Licenziati senza tutele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Ai sensi del GDPR 679/2016 la pubblicazione dei commenti è subordinata al consenso attivo alla raccolta dei dati personali richiesti, necessari a tenere traccia dei commenti stessi. Maggiori informazioni su come, dove e perché vengono memorizzati questi dati sono consultabili alla pagina della Informativa sulla Privacy Policy del sito .

*

  Acconsento a fornire i dati personali richiesti, che verranno trattati in conformità a quanto indicato nel documento della Privacy Policy del Sito

Per inviare un commento è necessario che i cookie del servizio "Invisible Recaptcha" siano abilitati.
Le impostazioni dei cookie possono essere modificate accedendo a questa pagina del Sito