La Sanità pubblica, un bene primario che va difeso ad ogni costo

Altro che il ballottaggio farsa del PD.

Mi pare che stia passando troppo sotto silenzio questa cosa, sebbene abbiamo sperimentato sulla nostra pelle che il fuoco cova sotto la cenere. E’ inaccettabile che un tecnico, provvisoriamente chiamato a governare il Paese in una fase complicata possa, con reiterati e iniqui provvedimenti, mutare radicalmente la fisionomia che i padri costituenti hanno voluto conferire al sistema sociale.

I valori sociali hanno già subito un sovvertimento tale che è incredibile pensare
che sia potuto accadere in così breve tempo. Questo è un fatto assodato.

Ma adesso viene addirittura rimessa in discussione, e pesantemente, la stessa Carta Costituzionale, troppo spesso scalfita dall’Esecutivo tecnico. Il Presidente Monti, da nessuno eletto, lancia un allarme che prelude ad una ennesima pericolosa involuzione, stavolta in tema di salute. Vedo in ciò i prodromi del lavorio sotterraneo che ha poi comportato lo smantellamento de facto del Sistema Previdenziale, poco prima giudicato in equilibrio dalla stessa Inps in una proiezione quarantennale.

Il Servizio Sanitario Nazionale, fonte di spregevoli sprechi e intrecci perversi tra politica,
mafie e Finanza speculativa, viene additato come non più sostenibile.

Ma non è indicato il malaffare che ruota attorno alla sanità la cosa da estirpare come una malapianta; non sono gli strumentali sprechi, finalizzati a irrobustire il portafoglio di questo o quell’altro, ad essere sotto accusa. Così come per il sistema previdenziale nessuno diceva che erano le casse dell’Inpdap a inficiare la sostenibilità complessiva del sistema, dato che Stato e Enti pubblici locali sono notoriamente morosi da troppi anni. Per quanto riguarda il SSN stavolta il Male è l’universalismo del Servizio, il Male è continuare a garantire l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla sventura della malattia, il Male è la domanda stessa di salute che, in un paese democratico e avanzato, passa anche per la prevenzione che alla fine determina un notevole risparmio, sia in termini di sofferenze, sia in termini economici.

L’articolo 32 della Costituzione recita però quanto segue:
“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo
e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”.

Per farla breve, tutti i percettori di reddito pagano le tasse per la sanità, ma chi non ha redditi deve comunque accedere alle cure, con gli stessi identici diritti degli altri. Questa è l’unica vera forma democratica di approccio alla tematica, che adesso viene perseguita, tra mille difficoltà di natura essenzialmente culturale, anche nel Paese liberista per eccellenza, gli USA.

Se il Monti-pensiero fosse orientato ad eliminare il malaffare sulla salute avrebbe già oggi precisato, e su questo punto tutta la gente onesta esulterebbe. Invece tace su tale aspetto, e lancia ambigue mezze frasi su nuove tasse, casse mutue integrative, assicurazioni, insomma un rullio di tamburi che mette in crisi ancora una volta la certezza dei diritti costituzionalmente garantiti. Si vogliono smantellare le reti sociali, certamente è così, e altro non mi aspetto dal Presidente Monti che continua ad avere un rapporto privilegiato con tutti i partiti, PD in testa malgrado le ipocrite dichiarazione di pura facciata del suo segretario.

Ma la Costituzione? Adesso è forse ora di scoprire che il Tecnico ha avuto mandato per smantellare anche quella?

Merita quindi una attenta riflessione, a caldo ma non per questo intempestiva, il fatto che dal Parlamento
sino ad ora nessuna forza politica abbia chiesto immediate spiegazioni al Presidente Napolitano dato che,
visto l’andazzo, le semplici voci di corridoio debbono fare trasalire, figuriamoci una dichiarazione del genere.

La Carta Costituzionale si aggira se sono tutti “responsabilmente” d’accordo.

Del resto, è già accaduto e noi Mobilitati lo sappiamo, eccome.

Ieri ho ascoltato Obama che diceva al mondo intero che gli indirizzi di posta elettronica dei deputati, Democratici e Repubblicani, sono state intasate dalle richieste di approvazione della legge da parte di tantissimi cittadini. Da noi invece si sente il tuono e si fa finta che continuerà il bel tempo.

Rispondi a filippo vitali Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Ai sensi del GDPR 679/2016 la pubblicazione dei commenti è subordinata al consenso attivo alla raccolta dei dati personali richiesti, necessari a tenere traccia dei commenti stessi. Maggiori informazioni su come, dove e perché vengono memorizzati questi dati sono consultabili alla pagina della Informativa sulla Privacy Policy del sito .

*

  Acconsento a fornire i dati personali richiesti, che verranno trattati in conformità a quanto indicato nel documento della Privacy Policy del Sito

Per inviare un commento è necessario che i cookie del servizio "Invisible Recaptcha" siano abilitati.
Le impostazioni dei cookie possono essere modificate accedendo a questa pagina del Sito

5 commenti su “La Sanità pubblica, un bene primario che va difeso ad ogni costo”